EUR/USD Rompe la Media Mobile a 200 Periodi sul Grafico Giornaliero
EURUSD Daily SMA200

Il Punto di Metà Settimana: EUR/USD Rompe la Media Mobile a 200 Periodi sul Grafico Giornaliero

Pubblicato marzo, 25 giovedì, 2021 da
Donato Lucarelli • 2 minuti

Uno dei principali metodi secondo l’analisi tecnica classica di determinare l’inversione di un trend è la rottura della media mobile a 200 periodi sul grafico giornaliero. Questo è avvenuto nella giornata di ieri sul cambio EUR/USD. Il compito di un’analista, tuttavia, è quello di prevedere che ciò accada per posizionarsi prima della conferma “ufficiale”. E noi, siamo contenti di averlo segnalato per tempo a chi ci legge.

Proseguendo nella lettura del grafico, ci aspettiamo a questo punto un primo obiettivo finale della discesa a 1,1600. Se così sarà, vedremo un altro tipico pattern dell’analisi tecnica: l’incrocio della media mobile a 50 periodi con quella a 200 periodi.  A puro scopo didattico, questo viene definito come “death cross“, ovvero croce della morte.

Nella giornata di oggi, c’è attesa per i dati del quarto trimestre 2020 del PIL degli Stati Uniti.

Situazione sui Principali Cambi Forex

La ritrovata forza del dollaro si fa sentire anche nei confronti delle altre coppie major. La sterlina, che ha dimostrato maggiore forza relativa rispetto all’euro negli ultimi tempi, inzia anche lei a mostrare cenni di debolezza. Quello che osserviamo sul grafico GBP/USD è la rottura della media mobile a 50 periodi. Un primo obiettivo per la prosecuzione del trend al ribasso è a 1,3600, in corrispondenza del supporto della media mobile a 100 periodi.

GBPUSD Daily EMA50

Sul cross EUR/GBP, invece, siamo contenti di aver segnalato un possibile rimbalzo nell’analisi dei mercati finanziari di lunedì scorso. Avevamo parlato di un obiettivo possibile a quota 0,8650 che non è stato raggiunto per pochissimi pip (il massimo di giornata di martedì e mercoledì è stato di 0,8645). Chi dovesse aver mantenuto il trade aperto può inserire, a sua discrezione, uno stop in pari oppure in profit e lasciar correre la posizione fino ad un eventuale 0,87.

Aumenta la Volatilità sul Petrolio

Dopo le prese di beneficio nella giornata di giovedì scorso, il WTI si sta dimostrando piuttosto volatile e incerto. Notizie contrastanti lo hanno portato a recuperare quasi il 6% a causa di un incidente navale che aveva bloccato il canale di Suez, una delle rotte più strategiche per la consegna di greggio.

Grafico Daily Crude Oil

Oggi, invece, si ritorna a parlare della terza ondata di coronavirus e delle conseguenti misure restrittive che stanno nuovamente interessando l’Europa. C’è dunque preoccupazione per una diminuzione della domanda di greggio, anche perché la situazione è tornata ad essere piuttosto grave anche in altri paesi strategici: il Brasile e l’India dove, a quanto pare, si sta diffondendo un’altra mutazione del virus. Suggerisco dunque estrema cautela e, in assenza di particolari segnali operativi, di lasciar perdere questo strumento finanziario, già di per sé particolarmente complesso, almeno per il momento.

Fine della Corsa delle Criptovalute?

Per finire, uno sguardo alle criptovalute. Il BTC sta mostrando una certa debolezza, e non mi piace la chiusura giornaliera sotto i 54.000$. A quanto pare, non stanno bastando le notizie, in apparenza positive, che vedono Elon Musk confermare di accettare Bitcoin per l’acquisto di automobili elettriche Tesla e il fatto che alcune importanti istituzioni finanziari stanno per lanciare sul mercato fondi di investimento sul Bitcoin. Come confermato nella mia precedente analisi delle criptovalute, la rottura di 55.000$ ha come obiettivo prima 50.000$ e, in caso di ulteriore accelerazione ribassista l’obiettivo finale di questo movimento è a quota 44.000$.

Sempre a proposito dell’analisi di lunedì, corretta anche l’indicazione su ETH: la rottura del rettangolo è avvenuta al ribasso sotto 1750$, la mia direzione privilegiata, rimbalzando però prima del target di 1500$. Anche in questo caso, dunque, chi fosse ancora dentro il trade può impostare uno stop in pari oppure in leggero profit a 1675-1680$.

In controtendenza, segnalo la prestazione di VeChain, una criptovaluta cinese che si dedica alla gestione della supply chain dell’industria manifatturiera.

Controlla i nostri segnali forex giornalmente
Seleziona le migliori opportunità, scopri le diverse strategie di trading nel forex

Riguardo l'autore

Donato Lucarelli // Italian Market Analyst & Financial Writer
Donato Lucarelli è un esperto futures trader che si divide tra la sua città natale, Bari, e l'Indonesia. Donato ha una lunga esperienza maturata sul campo, in particolare su indici, forex e materie prime del mercato europeo ed americano. Donato ha frequentato con profitto la Trading Academy di Milano e lavorato fianco a fianco con alcuni dei più grandi trader italiani.
Ulteriori articoli