Riassunto dei segnali forex del 18 marzo - FX Leaders

Riassunto dei segnali forex del 18 marzo

Pubblicato marzo, 18 mercoledì, 2020 da
Arslan Butt • 2 minuti

Buongiorno amici,

All’inizio della sessione asiatica di oggi, i prezzi dei metalli rifugio sicuro sono aumentati dopo essere scesi al di sotto del segno di $ 1,500 durante la notte e dopo aver raggiunto un massimo di $ 1,546 sei ore fa nonostante i nuovi pacchetti di stimolo dagli Stati Uniti. A partire da ora, l’oro è attualmente scambiato a $ 1,511,50 per oncia e ritirato dai massimi della sessione vicino a $ 1,546.

L’oro è sceso dai massimi della sessione nonostante il calo dei futures su azioni statunitensi. In questo momento, i futures legati all’S & P 500 registrano una perdita del 3% mentre le azioni in Australia sono in calo del 4%, mentre quelle in Hang Seng sono in calo dell’1%.

Tuttavia, l’indice giapponese Nikkei e l’indice Shanghai Composite stanno aggiungendo rispettivamente l’1,35% e lo 0,65% e potrebbero limitare la tendenza rialzista dell’oro. Inoltre, i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni vengono scambiati per la prima volta sopra l’1% dal 5 marzo, dopo aver toccato un minimo record dello 0,35% il 9 marzo.

La Federal Reserve americana e altre banche centrali hanno ridotto i tassi e annunciato pacchetti di incentivi nelle ultime due settimane. Gli Stati Uniti stanno ancora progettando di fornire un ulteriore pacchetto di stimolo compreso tra $ 850 miliardi e più di $ 1 trilione, secondo il rapporto del segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che potrebbe indebolire il dollaro USA e guidare la tendenza rialzista dei prezzi dell’oro in metallo prezioso.

Potrebbe essere una grande opportunità per i traders per entrare nel mercato dell’oro poiché è probabile che l’oro ottenga un sostegno fondamentale per aiutare i suoi prezzi a salire.

D’altra parte, gli Stati Uniti continuano a lottare insieme alla Federal Reserve, che sta facendo lo stesso per garantire che la più grande economia del mondo non venga infettata a causa del virus mortale. Oltre a questo, l’amministrazione Trump ha annunciato martedì che sta pianificando di dare controlli direttamente agli americani come parte di un programma di stimolo da $ 1 trilione. Molte grandi banche centrali hanno recentemente tagliato i tassi e sono ancora pronte a fornire di più, se necessario.

In prospettiva, l’oro potrebbe scendere in negativo al di sotto del prezzo di apertura di $ 1.527 se i rendimenti statunitensi continuassero a lampeggiare in verde, aumentando i guadagni più forti nel dollaro, la più grande nemesi dell’oro. L’indice del dollaro è attualmente scambiato vicino a 99,40, dopo aver toccato un massimo di tre settimane di 99,83 martedì.

Supporto e resistenza giornalieri
S1 1339.68
S2 1427,88
S3 1478.2
Punto di articolazione 1516.08
R1 1566,4
R2 1604.28
R3 1692.48

Il prezioso metallo GOLD ha recuperato dal livello di 1.456, e ora è scambiato a 1.527. XAU / USD ha un supporto immediato intorno al livello di 1.515. Sul grafico a 4 ore, l’oro ha formato un modello superiore di pinzette, che in genere guida la propensione alla vendita sul mercato.

Oggi, l’oro può affrontare la resistenza al livello di 1.551 e, al di sotto di questo, i suoi prezzi possono scendere al livello 1.515. La violazione di 1.515 può aprire ulteriore spazio per la vendita fino a 1.494. La tendenza al trading è leggermente ribassista oggi.

Buona fortuna!

Controlla i nostri segnali forex gratuiti
Segui i principali eventi economici sul calendario economico di FX Leaders
Fai migliori transazioni, scopri più strategie di trading Forex

Riguardo l'autore

Arslan Butt // Index & Commodity Analyst
Arslan Butt is our Lead Commodities and Indices Analyst. Arslan is a professional market analyst and day trader. He holds an MBA in Behavioral Finance and is working towards his Ph.D. Before joining FX Leaders Arslan served as a senior analyst in a major brokerage firm. Arslan is also an experienced instructor and public speaker.
Ulteriori articoli
Questa settimana potrebbe essere una delle più esplosive dell'anno in quanto le banche centrali del mondo si stanno preparando a scuotere i mercati.
SPONSORED